mercoledì 16 febbraio 2011

La profondità del mio pensiero

quest'oggi scende a episodi di infanzia che si ripetono, ai quali non si può dare una vera spiegazione razionale, che non hanno un fondamento scientifico. O forse sì?

Mi riferisco senz'altro alla tragica esperienza di vedere anche il secondo Kinder Bueno volatilizzarsi irrimediabilmente. Era chiaro, no?

Il Kinder Bueno è progettato da diaboliche menti altoatesine con conclamate esperienze paranormali da stagisti sottopagati in un mondo alieno altamente avanzato per permetterti di ingurgitare il primo dei due senza nemmeno assaporarlo, solo per gola, e poi gustare appieno il secondo - che infatti non a caso è incartato in un'altra bustina!

Ieri ho, come di consueto, inghiottito il primo dei due in un millisecondo senza nemmeno masticare, ma col secondo, invece di gustarmelo, mi sono distratto. Pensavo ad altro...shame on me. È finito senza che me ne accorgessi. Sono molto triste, mi ha sopraffatto come quando ero bambino. Solo che da bambino con buone probabilità da qualche parte nella dispensa di mamma - o meglio ancora della nonna...che non è vero che dalla nonna ci sono solo i biscotti della nonna e la torta della nonna. Quella è in tutti i ristoranti d'Italia, sì, ma non l'ho mai mangiata da mia nonna. Mai. - in dispensa...ecco, in dispensa ce n'era un altro!

A casa qui no, perché il Kinder Bueno è un bene di lusso, un piccolo piacere da ultimo secondo della spesa, comprato perché i manager del supermercato - di scuola altoatesina - sanno che una volta ci cascherai e comprerai i kinder alla cassa. O le lamette del MacIII, ma mai i preservativi Primex - con quelli ti fregano, lo fanno per vendere più pannolini e omogeneizzati. È chiaro come la loro superbia.

E niente, sono rimasto fregato e ora chissà quando mi ricapiterà. Però sotto casa mia un tizio ha aperto una gelateria che porta i gelati a domicilio. C'è una signorina pilipina sorridente che salta sul motorino e ti porta il gelato. E anche i coni, eh! Senza e ripeto, senza maggiorazioni di prezzo. Dice che l'ha fatto per le vecchiette che gli chiedevano di portarlo a casa, per i poveri pensionati che non possono muoversi. Ed evidentemente per gente come me. Che comunque ha meno problemi legati al  saccarosio delle altre due categorie. Ha fatto business, lo provo. Vi aggiorno e se fate i bravi vi do anche il numero, ma non fate che chiamate la pilipina e la fate arrivare alla fine dalla Cassia e poi non è vero che abitate là che io vi conosco!

26 commenti:

  1. Cavolo è vero... li acquisti alla cassa!
    Subdoli!

    RispondiElimina
  2. http://i54.tinypic.com/2vv2u7l.png

    ma è una pilipina lock?

    RispondiElimina
  3. sono cose che ti ghiacciano, queste.
    Mi intristisco per te e ordino il gelato da asporto. :)

    RispondiElimina
  4. Ormai sempre meno bifasici chinderbueni e sempre più ostico Gransoleil. Che viene utile in caso di ileo paralitico.

    RispondiElimina
  5. Kinder Bueno= Andrew Howe.
    Quindi da evitare.

    Per il resto, come diavolo fa un cono, che solitamente mi si scioglie nel momento in cui la gelataia tredicenne me lo porge goccioloso, ad arrivare sano e salvo a casa mia? I filippini hanno qualche marchingegno all'azoto liquido e ce lo tengono nascosto?

    Allora mi butto sui Polaretti.

    RispondiElimina
  6. Mitico che sei!!! Sta cosa del bueno dovrebbero scriverla a caratteri cubitali sul pacchetto come si fa con le sigarette perchè è troppo vera: DEGUSTARE CON CALMA, SOPRATTUTTO SE AVETE GIA' MANGIATO LA PRIMA BARRETTA E NON VE NE SIETE RESI CONTO. E dall'altro lato del pacchetto invece scrivere: INGHIOTTIRE ALLA SVELTA SOLO NEL CASO IN CUI VEDIATE SOPRAGGIUNGERE UNA TIPA MULATTA CON LA FACCIA DA SCHIAFFI IN CALO DI GLICEMIA.

    RispondiElimina
  7. Per Ettore (ubi, permettimi la soddisfazione di spiegargli come funziona)...
    Il gelato sta da una parte, nella sua vaschetta di polistirolo espanso sigillato dallo scotch e avvolto nel cuki alluminio doppia forza, i coni dall'altra (avvolti nella carta d'alluminio pure quelli, di solito) e se son proprio generosi ti aggiungono anche due cialdine per guarnire il cono che TU assemblerai non appena sarai riuscito a scovare il gelato sotto i vari strati di imballo...

    RispondiElimina
  8. Ubi, per evitare problemi di questo genere, io evito di comprare i prodotti posti in cassa, e mi autodisciplino per non trovarmi nella spiacevole situazione di ingurgitare al volo uno dei suddetti.
    In caso, quando mi sento attratto, corro al volo al mio scomparto bar e ne butto giù uno di quelli forti, tanto per dimenticare ;)

    RispondiElimina
  9. Mi sento come uno a cui hanno spiegato la cosa più semplice del mondo con protagonisti filippini, polistirolo e cialde.
    Ah, è appena successo?

    RispondiElimina
  10. Qui a Milano già che trovi una gelateria aperta in questo periodo dell'anno è una festa, figurarsi ricevere il cono a casa. Potrebbero farlo, vista l'esperienza con il chinese food a domicilio, tetto minimo di spesa 30 euro... mi sa che mi apro una gelateria a domicilio!

    RispondiElimina
  11. da dove esce l'altro adige?
    il kinder è l'unica cosa che ci rimane per fare pil a noi in piemonte.

    voi comunque non riuscite a capire il dramma sociale di una donna a cui non piace il cioccolato e ha una scopa su per il culo talmente lunga che rifiuta quasi tutto il pre-confezionato.
    autismo alimentare
    c'è una cura?

    RispondiElimina
  12. posso darti un suggerimento? quando compri la elucubrata confezione, aprila e togli via uno dei due e nascondilo.. così quando avrai voglia di mangiarlo troverai solo uno dei due ciocoolatissimi consolatori.
    pè rchè? 2 motivi:
    1. se sei così fortunato da avere una vicina di casa rompipalle probabilmente farai metà per uno ma avrai sempre la possibilità di mangiare l'altro in solitudine
    2. se hai divorato il rpimo avrai tutto il tempo di gustarti la ricerca del secondo, perchè si sa, l'attesa è più appagante della festa stessa ;)
    bel blog.
    Marie

    RispondiElimina
  13. Perdonami Ettore, non ho saputo resistere :-)

    RispondiElimina
  14. @eva: È lì che ti fregano!

    @Ciku: super pilipina ;)

    @Patè: ti sento vicina

    @D: suggerimenti?

    @Web: no, gransoleil no!

    @Ettore e Vaniglia: mi piace la vostra autonomia!

    @Ecudielle: sono sicuro della loro provenienza altoatesina. È un problema serissimo non apprezzare i kinder. Nemmeno i cereali!?

    @Ale: Un business di sicuro successo, vedrai!

    @Marie:Nasconderla dici? Non ne ho decisamente il coraggio!!

    RispondiElimina
  15. a grande richiesta! (no, non è vero)

    kinder sorpresa ***1/2 (fa troppo infanzia perduta. chi non ha mai giocato a sparare gusci gialli negli occhi dei fratelli?)

    kinder cioccolato *** (per legge si mangia prima la parte scura, impiastricciandosi le dita. poi la parte bianca. poi le dita)

    kinder cereali **** (sembra non granchè ma poi scopri che è abbastanza un chè)

    kinder bueno *1/2 (è troppo poco uniforme. troppo pieno un momento, troppo vuoto un altro)

    kinder pinguì ° (m'è sempre stato sul culo. ma forse è il nome)

    RispondiElimina
  16. @Ciku: era a grandissima richiesta!!!! :P
    Con il cereali sei stata un po' cattiva...giusta se invece del bueno ti fossi riferita al duplo e perfetta con pinguì, che decisamente appartiene a un'altra generazione

    RispondiElimina
  17. cazz! c'hai ragione! leggevo bueno e, per tutto il tuo post, pensavo duplo! (che nomi idioti...)

    ok. sono andata a cercarmi il bueno e posso concludere dicendo:

    kinder bueno np (a questo punto non ricordo di averlo mai mangiato)

    RispondiElimina
  18. sono peggio di ecudielle, per me ciò è arabo.
    12 anni fa ho mangiato per educazione e anche per fame dura un flauto mulino bianco e son stata malissimo,forse manco di anticorpi a furia di mangiare sano? mah...

    RispondiElimina
  19. mezzo etto di puertomar (Domori)...lentamente

    RispondiElimina
  20. ubi, il kinder è ferrero e ferrero sta ad Alba, o al limite, il direzionale a Torino. Che CAVOLO DICI?

    per il resto, mi dispiace, no. io mangio solo massa pura di cacao al 100%.
    Ma guarda che l'idiozia è malattia riconosciuta dall'OMS, eh!
    Mi aiutate a guarire?

    RispondiElimina
  21. C'è gente che è finita in comunità per il Kinder Bueno...

    RispondiElimina
  22. Hai ragioneeeeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  23. @Stellarossa: estremisti del km 0, eh!?

    @Eqdl: ma sì, sì, lo so. È che me l'immagino altoatesini, avranno dei dipendenti altoatesini, no?!

    @D: alla modica cifra di...!?

    @Marziano: lo puoi ben dire!

    @Baol: ;))

    RispondiElimina
  24. E niente. A me capita esattamente la stessa cosa. Ma non col Kinder Bueno.

    RispondiElimina