lunedì 10 ottobre 2011

L'antro della Sibilla

 Un'esperienza meravigliosa sui monti Sibillini, nelle Marche. Sabato ho fatto trekking fino alla cima del monte Sibilla a 2174 metri, attrezzato solo di curiosità e fanciullesco stupore per la possenza della natura e la riconsiderazione del concetto di infinito, con lo sguardo che a Est volgeva al Mar Adriatico e ad Ovest alla Toscana, attraverso l'Umbria. Per il resto avevo le scarpe sbagliate almeno quanto l'abbigliamento, ma va benissimo così.

Le foto naturalistiche non sono propriamente il mio forte, ma voglio condividere con voi quel cielo, quelle vallate e l'alternanza di alcuni momenti in cui sembrava che masse di nuvole grigie - spuntate all'improvviso - ci avrebbero soffocato, una volta che fossero riuscite a raggiungere la vetta.  Sono arrivate e noi siamo riscesi, lasciandogli il posto. C'è anche una foto della vallata sotto Camerino, la prima. L'ho fatta all'alba, partendo per la montagna. Noi ci levavamo col sole e la nebbia ci faceva spazio, ma ancora scorreva come un fiume pigro sotto le nuvole e i monti. 
(e comunque sono ufficialmente appassionato di escursioni e camminate)





















19 commenti:

  1. Gran bei posti, Ubi.
    E gran belle foto.

    RispondiElimina
  2. bravo, e la cucina delle Marche ? Il vino delle Marche ?

    RispondiElimina
  3. Che le scarpe fossero sbagliEte non c'è ombra di dubbio... nonostante tu volessi condividE con noi cotanta meraviglia!
    Son stata sul Watles a oltre 2000... ma sai che in pieno agosto quell'incantevole tappeto di zucchero all'alba non c'è? Eheheh sensazione di perdita e bilico... mah, forse solo mancanza di ossigeno al cervello!
    Complimenti per le foto.

    RispondiElimina
  4. Vero che è bellissimo?
    Io mi sono appassioanto alle "camminate" un annetto fa o poco più ed è una cosa tra l'alro divertente.
    E il bello che d'estate puoi farlo anche risalendo i torrenti.
    E poi posso portare sempre con me la mia fida corda.

    RispondiElimina
  5. @Mr Ford e Patè: grazie, consiglio vivamente una capatina :)

    @D: conosco benissimo, mamma è marchigiana. Nell'ordine: carne alla brace, funghi e tartufi, vernaccia, lacrima di morro d'alba e anice (Varnelli o Meletti) per correggere orzo, caffè o quello che ti pare!

    @Rrt: la mia correttrice di bozze ufficiale!! Il tappeto di zucchero (bell'immagine, brava!) è più in basso, sui 500 m.

    @Aureliano: una sorpresa stupenda, provata per la prima volta questa estate salendo in cima all'isola di Marettimo, alle Egadi. In Calabria dove vai? Mi interessa...la cosa della corda l'ho sentita a un po' di gente, per i pesi e le persone?

    @Isabel: mozzafiato!

    RispondiElimina
  6. In Calabria a volte mi aggrego a un'associazione di Escursionisti che organizzano soprattutto sull'Aspromonte (su quelle montagne meglio non avventurarsi senza una "guida").

    Oppure in estate cerco delle fiumare che siano belle da risalire (bellissima ad esempio l'Allaro, in cui a un certo punto arrivi a una grande pozza che devi oltrepassare nuotando con lo zaino sulla testa nemmeno fosse il Vietnam)
    oppure l'Amendolea in Aspromonte che ti porta sotto il paese abbandonato di Roghudi.

    La corda la uso per superare i punti stretti delle fiumare dove la corrente è più forte.
    E poi perchè mi fa sentire Indiana Jones.

    RispondiElimina
  7. Aspromonte...mmmmh...cose silane con premio salsiccia no!? E lanci la corda tipo lazo? Funge?! :P

    Il Pollino, col fiume Lao è splendido, ho fatto rafting là...

    RispondiElimina
  8. Non saranno il tuo forte le foto paesaggistiche ma a me piacciono molto! Davvero le trovo rilassanti:-) bacioni

    RispondiElimina
  9. @Ombretta: in cima avrei gradito uno di quei biscotti di kamut e riso o una bella crostata di mele come quelle che fai tu!

    RispondiElimina
  10. Confesso: ti ho rubato la prima foto. E' uno spettacolo!

    Mea maxima culpa.

    RispondiElimina
  11. mai capirò la voglia che avete voi esseri umani di arrampicarvi in salita (IN SALITA!!!) per km sotto il sole cocente, tra zecche e vipere col corno, per arrivare in cima a un monte, dire: ahpperò! e poi riscendere. me lo chiedo ogni volta che ci porto gente (ovviamente sotto compenso, altrimenti mai mi sposterei dal divano). però ok, ogni tanto ci faccio delle foto pure io. ma non mi escono così, mannaggia!

    RispondiElimina
  12. oh là così sto già meglio

    RispondiElimina
  13. Posti come questi sono una delle ragioni per cui divento un oggetto volante non identificato...

    RispondiElimina
  14. @Euridice: apprezzo!

    @Ciku: e dove t'arrampichi per soldi!? Accompagna anche me...mmmm...magari a gratìs però!

    @D: e lo so!

    @Marziano: identificati alla prossima, così mi fai fare un giro. A livello aereo dev'essere indescrivibile!

    RispondiElimina
  15. complimenti per la composizione della penultima foto, la terra sembra stia per essere inghiottita dal cielo!

    RispondiElimina
  16. mi infilo in grotte farlocche e/o passeggio lungo territori che il 24/10/'17 l'han vista un po' brutta. cmq se passi per il friuli orientale fai pure un fischio. vedrò di infilarti di straforo.

    RispondiElimina
  17. il paesaggio è mozzafiato, grazie per averlo condiviso!

    RispondiElimina